Educatori senza frontiere

EDUCATORI SENZA FRONTIERE PER LO SVILUPPO PARTECIPATO DELLE COMUNITÀ LOCALI”

Formazione di volontari per interventi educativi in contesti di povertà ed emarginazione

Il corso, che concentra l’attenzione verso le situazioni di marginalità della nostra comunità cittadina, accoglie la proposta educativa dell’Associazione Educatori Senza Frontiere – Exodus, elaborata sull’uso dell’educazione come strumento di emancipazione e di riscatto delle realtà emarginate, realtà di cui accoglie le sollecitazioni e ne valorizza le risorse presenti, collaborando con enti, istituzioni e persone che vivono e operano nello spirito “senza frontiere”.

Il percorso risponde all’esigenza di favorire lo sviluppo sociale della comunità locale che assume in proprio, prima come singoli cittadini e poi come associazioni e istituzioni, la cura delle persone e dei gruppi deboli in modo significativo e continuativo, salvaguardandone e difendendone la dignità.

Il corso, basato su un apprendimento soprattutto di tipo esperienziale, valorizza le caratteristiche del gruppo ed è finalizzato a facilitare nei partecipanti il rafforzamento delle capacità di ciascuno e di tutti nel loro insieme, a scoprire, sviluppare ed esercitare un potere di trasformazione e liberazione personale e sociale orientato alla nonviolenza.

Il percorso è indirizzato a persone con esperienza maturata nel settore della formazione e dell’educazione, con forte interesse all’impegno sociale a favore delle problematiche dell’emarginazione e  disponibile ad un impegno di volontariato sul territorio.

OBIETTIVI

  • Elaborare idee e strategie per conoscere le realtà e le loro problematiche, le diversità e i loro valori, rendendo protagonisti dell’educazione gli uomini e il loro ambiente;
  • Recuperare e rendere fruibili le risorse di umanità conservate nelle situazioni marginali;
  • Favorire un’alleanza tra generazioni;
  • Favorire la costituzione di un gruppo di lavoro per vivere esperienze educative e stili di vita nel proprio contesto, che siano anche dei segni per la comunità cittadina, un invito a costruire una collettività che sappia amare la propria terra e farsi carico delle situazioni di margine.

CONTENUTI

Il corso, contenente percorsi formativi e laboratori, si articola in tre moduli:

Mod. 1   Pedagogia itinerante. Gli spazi e i tempi dell’educazione senza frontiere

  1. Erranza e pedagogia itinerante
  2. Rischio educativo e valorizzazione dell’esistente
  3. Talenti e povertà

 

  • Educazione non formale: Laboratorio di arteterapia

Oltre l’educazione – Il bello, il gioco, l’immaginazione

 

Mod. 2   Costituirsi come avamposti: tra memoria e sviluppo

  1. La prospettiva dell’avamposto come spazio e tempo della relazione d’aiuto
  2. Spirito, stili e forme nell’utopia dell’avamposto

 

  • Educazione non formale: Laboratorio di Teatro

Oltre l’educazione – Lo spettacolo, il gestire entità e diversi

 

Mod. 3   I testimoni narranti e le svolte di un mondo che cambia. Il diario di bordo

  1. La narrazione dei vissuti: analisi multifattoriale
  2. Scoprirsi erranti e valorizzare le singole esperienze
  3. Il diario di bordo e la narrazione: valenze educative, didattiche ed operative

 

  • Educazione non formale: Laboratorio di Musicoterapia

Oltre l’educazione – L’uso della voce e la musica

 

Annunci
  • Artigiani di pace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: