2009

 

Laboratorio Educativo “Prove di volo” ‘10

“Le verità nascoste”

 Analisi di esigenze espresse e inespresse, motivazioni profonde legate a vissuti, esperienze sulla problematica del margine e, in particolare, della diversabilità, conducono a pensare ad un  percorso che possa permettere ai diversabili di essere protagonisti della propria esistenza e contribuire alla crescita della comunità attraverso l’instaurare relazioni umane significative e l’emergere di  risorse profonde di umanità.

Lo scopo del progetto è quello di sperimentare la costituzione di un gruppo misto di giovani -divers-accolti/accettati (diversabili) e norm-accolti/accettati (normabili)- dove un legame vero di amicizia, che coinvolga tutti i partecipanti al percorso, conduca a valorizzare le differenze e a favorire un cammino collettivo di riflessione per ripensare le relazioni sociali.

L’adesione al gruppo avviene per coinvolgimento delle persone che abbiano relazioni ed esperienze in linea con le finalità del progetto.

OBIETTIVI SPECIFICI

Gruppo giovani

Esperienza di un gruppo che attraverso la partecipazione di ognuno con pari dignità -in modo paritetico-, l’aiuto reciproco e  il sostegno di tutti gli aderenti al progetto, favorisca:

  1. l’acquisizione di una consapevolezza personale, accettando e positivizzando i propri limiti e valorizzando i talenti;
  2. il miglioramento e l’accrescimento del proprio bagaglio di conoscenze, competenze e abilità, per l’espressione di se nella maggiore autonomia possibile;

 

Famiglie dei giovani

Migliorare lo sguardo sui figli (migliore attenzione alle emozioni e ai bisogni inespressi),  fare esperienze di condivisione delle problematiche,  recuperare un equilibrio familiare.

Volontari

Costruire relazioni interpersonali significative, arricchire le proprie conoscenze su varie realtà, misurarsi con se stessi.

Risorse

Dare un valore aggiunto al proprio bagaglio umano e professionale, cogliere aspetti inediti del proprio percorso di vita

CONTENUTI

Percorso di gruppo: conoscenza più profonda di se, ascolto e accoglienza dell’altro attraverso i vissuti, condivisione di obiettivi e relazione di cura reciproca, costituzione del gruppo (alcuni tratti da condividere con i volontari e le risorse)

Mod. 1 Un lavoro sulla narrazione – Dal  Racconto “Storia di una

             Gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” ..  

Mod. 2  Una storia costruita insieme – Esperienza di “scrittura”

              collettiva ..

Mod. 3  Un Piccolo “Volo”

Annunci
  • Artigiani di pace

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: